Home

indagini dinamiche

UNI 9916

Per misurare il livello delle vibrazioni sulle parti strutturali dell’edificio e soprattutto per verificare se vengono superati i minimi di soglia (in termini di velocità) indicati dalla normativa, saranno impiegati due  o più accelerometri triassiali (ad alta sensibilità ed in grado di captare vibrazioni a bassa frequenza – fino ad un valore minimo di 0,2 Hz con ±3 dB). Uno di essi sarà posizionato in corrispondenza della fondazione o alla base del muro esterno ad una altezza non maggiore di 0,5 m dal terreno. Esso sarà inoltre predisposto sul lato dell’edificio prossimo alla forzante vibratoria. Al fine di valutare l’ampiezza di vibrazioni in particolari parti strutturali dell’edificio, il posizionamento dell’altro trasduttore avverrà nei punti presumibili di massima ampiezza. Assumendo inoltre che il fenomeno vibratorio abbia carattere di stazionarietà per una durata sufficiente, è possibile utilizzare un medesimo accelerometro per misure in più posizioni in tempi diversi, conservando un captatore di riferimento fisso (in corrispondenza della fondazione o del piano stradale).